Capodoglio (physeter macrocephalus)

Capodoglio (physeter macrocephalus)

Capodoglio (physeter macrocephalus)

Il Capodoglio è il più grande predatore che esista al momento attuale sulla Terra e deve il suo nome ad un organo che ha sul capo, lo spermaceti, che è colmo di una sostanza oleosa.

I maschi possono raggiungere i 18 metri di lunghezza.

E’ molto difficile osservarlo in superficie in quanto è in grado di immergersi per una durata superiore alle due ore e a profondità superiore ai 2000 m. Abitualmente, tuttavia, le sue immersioni durano meno di mezz’ora, nel corso delle quali non vengono superati i 500 m di profondità.

Non è un gran nuotatore, in genere si sposta ad una velocità non superiore ai 4 nodi (7.5 km/h) e solo per brevi tratti lo si è visto superare i 15 nodi. Il comportamento in superficie è molto diverso da quello delle balenottere comuni: il capodoglio rimane visibile tutto il tempo, respirando con grande regolarità (5-6 soffi al minuto). La durata della permanenza in superficie è in stretta relazione con la durata della precedente immersione. Particolarità del soffio del capodoglio è di essere basso ed inclinato da una parte. Al termine di una sequenza respiratoria, il Capodoglio estrae verticalmente la coda dall’acqua e si immerge. La componente principale della dieta del Capodoglio è costituita da calamari.

Avvistamenti di capodogli effettuati dalle imbarcazioni del Consorzio Liguria Via Mare:

2018:  ...in via di aggiornamento...stiamo avvistando per voi!

2017: 11 capodogli avvistati in 39 uscite

2016: 13 capodogli avvistati in 53 uscite

2015: 14 capodogli avvistati in 43 uscite

2014: 9 capodogli avvistati in 48 uscite

2013: 8 capodogli avvistati in 55 uscite

2012: 15 capodogli avvistati in 47 uscite

2011 (dati riferiti al solo periodo aprile-giugno): 3 capodogli avvistati in 20 uscite

2010: 22 capodogli avvistati in 83 uscite

Per visionare l’elenco completo degli avvistamenti clicca qui.

Guarda le foto dei capodogli avvistati durante le nostre uscite.